Tram 8, le deficienze del nuovo percorso



Avvallamenti, percorsi pedonali incompleti, cassetta dell’alta tensione facile da aprire: no, non siamo in periferia, laddove certe dimenticanze sono all’ordine del giorno, bensì in pieno centro storico e, precisamente, in via delle Botteghe Oscure, teatro del nuovo capolinea della linea tranviaria 8 (quattrocentocinquanta metri di binario per un costo complessivo di 6,6 milioni di euro, mica chiacchiere).

Eccoci qua, a fare il rendiconto delle imperfezioni, delle magagne, dei refusi che costellano un’opera pubblica, costata milioni, a svolgere in definitiva il compito degli uffici tecnici di Roma Capitale e di Atac SpA. È tutto nero su bianco, basta guardare la galleria fotografica.

Foto 1


Foto 1 – Tratto piazza dei Carcarari a via dell’Aracoeli: data l’esigua distanza tra il marciapiede e la sagoma delle vetture tranviarie, sarebbe stato opportuno prevedere l’installazione dei parapedonali, seguendo l’esempio di Via Flaminia, onde evitare spiacevoli incidenti.




Foto 2
Foto 2 – Nei punti prossimi all’intersezione Botteghe Oscure/Aracoeli, il piano del calpestio è inferiore alla bordatura del marciapiede stesso, tanto da creare dei pericolosi scalini.



Foto 3
Foto 3 – Intersezione Botteghe Oscure/Aracoeli: la cassetta alta tensione oltre ad essere facilmente raggiungibile, basta saltare sull’armadietto dei deviatoi, è verosimilmente fornita della chiave per aprirla.


Foto 4
Foto 4 – Semaforo pedonale intersezione Botteghe Oscure/Aracoeli: soltanto la parte nuova è stata dotata dello scivolo e del percorso tattile.



Foto 5
Foto 5 – Semaforo pedonale Aracoeli: hanno installato il nuovo semaforo, ma si sono dimenticati di risistemare l’asfalto.


Foto 6
Foto 6 – Capolinea tranviario: cartine illeggibili di giorno e di notte.


Foto 7
Foto 7 – Palazzo Venezia: neanche la posizione dei ganci, necessari alla linea aerea, hanno azzeccato.

C'è da notare infine, che detto percorso è sprovvisto di una fermata, come se il nodo di scambio di Torre Argentina non esistesse. Alè.