Pedonalizzazione Lungomare, CeSMoT: "Incentivare il Tpl"

La pedonalizzazione del Lungomare di Ostia, voluta dal Campidoglio e dal Municipio X, è stata accolta positivamente anche dal CeSMoT (Centro Studi sulla Mobilità e i Trasporti): «È indubbiamente una lodevole iniziativa». Unica nota stonata l’organizzazione del trasporto pubblico: «dobbiamo purtroppo rilevare come, senza una vera e propria politica d’incentivo all'utilizzo del TPL, tale iniziativa rischia di perdere molte della sue potenzialità».  

«Nella giornata di ieri [domenica 30 marzo ndr]», afferma il Presidente dell’Associazione Omar Cugini, «abbiamo visto tantissime persone a spasso per l'isola Pedonale del Lungomare, ma abbiamo anche potuto verificare il caos del traffico per le strade di Ostia, invase da fiumi di automobilisti, all'affannosa ricerca di un parcheggio. Del resto sia le frequenze festive della Roma - Lido, sia quelle delle linee di tpl di ostia, non invogliano l'utenza occasionale all'utilizzo dei mezzi pubblici per raggiungere Ostia».

Da qui i suoi suggerimenti alle amministrazioni e all’Atac: «oltre al potenziamento della ferrovia, con frequenze almeno di 15 minuti, per il futuro auspichiamo l'istituzione di un area di parcheggio nella zona di Piazzale Amerigo Vespucci con un bus navetta che colleghi l'area di sosta con la zona del Lungomare adibita ad Isola pedonale. In questo modo, le automobili provenienti da Roma resterebbero lontane dal centro con indubbi benefici sulla circolazione stradale di Ostia.  In alternativa, suggeriamo di anticipare l'entrata in servizio della linea mare 062, opportunamente deviata per evitare la zona di Lungomare chiusa al traffico».

«Solo così», conclude il Presidente, «sarà possibile incentivare i romani a lasciare la propria macchina, favorendo il sorgere di comportamenti virtuosi, ovvero l’utilizzo del TPL per i propri spostamenti, con indubbi benefici in termini di contenimento dell’inquinamento ambientale».


   David Nicodemi

rr-pendolari