La Foto del giorno: la "tranvia" Linea B

I treni per potenziare i servizi metroferro ci sono, ma Atac preferisce demolirli. Un'operazione assurda.


La Linea B della metropolitana ha ormai i tempi di una tranvia o di un treno regionale, anche nelle fasce di massima affluenza. Le attese alle banchine possono raggiungere anche i 10 minuti abbondanti. Le cause si conoscono, mancanze di personale e penuria di materiale rotabile, specie dopo l’apertura della diramazione, denominata erroneamente “B1”. 

Un problema che non sarà risolto neanche con l’arrivo dei nuovi CAF, e basta farsi due calcoli per rendersene conto. Per tutta risposta, Atac vende all’asta, a un prezzo irrisorio da Corte dei Conti, l’intero parco dei convogli MA 100 e i 46 equipaggiamenti chopper, a essi destinati. Vetture, ancora marcianti, che potevano essere utilizzate come rinforzo sulle linee metropolitane e sulla ferrovia Roma-Lido. Vista la crisi economica e i soldi spesi nel progetto Frecce del Mare, ci si chiede di nuovo qual è la convenienza economica del bando (è lo stesso che prevede la macellazione del materiale storico)? Alè.

  David Nicodemi  


Per firmare la petizione Online: