La Crisi secondo er Sor Capanna

Sentite che ve dice er Sor Capanna

Sentite che vve dice er sor Capanna
ch’er millenovecento s’avvicina:
ritorneremo ai tempi della manna,
a uffa ce daranno la farina.
Ma speramo ar novocento,
fenirà questo tormento
con bon lavoro,
rifiorirà ‘sto secolo dell’oro.

Ma ggià asso ventottenni che godemo,
che stiamo tra li beni e la ricchezza;
 la libertà gni giorno la vedemo,
m’addosso semo pieni de monnezza.
Se nun gira questa rota
la saccoccia è sempre vota;
e co quest’uso
se seccheno le gamme e appizzi er muso.

E cor progresso che ciavemo adesso,
le crespe l’emo fatte su la panza,
ciavemo li colori com’er gesso:
e questo è ppe virtù dell’abbondanza.
Ogni passo sbajavamo
perché noi poco magnamo;
certi momenti
l’anima la reggemo co li denti.

E mentre noi ciavemo st’abbondanza,
cia fatto sul cammino er vellutello;
la pila nun se scotta più la panza,
e nun s’addopra più lo sgommarello.
La padella stà all’oste,
che ce fa le callaroste,
la scolabrodo
ha fatto presa ar muro cor un chiodo.

E li tegami poi se so ammuffiti,
nun se posso addoprà pè cristallina;
e li cucchiari se sò ruzzoniti,
li piatti cianno fatto la rasina.
E ppoi sopra ar tavolino,
c’emo fatto l’artarino;
ner tiratore,
li sorci ce se sentono discore.

Le molle e la paletta co lo spito,
emo vennuto tutto a robbivecchio,
a prezzo de ferraccio arruzzonito,
a noi nun c’è rimasto antro ch’er secchio.
La battilonta cor cortello
nu’ lo fanno più er duello:
per’ er callaro,
a la cucchiara ha dato er piantinaro.

Er secchio è sempre pieno d’acqua fresca.
In quarche casa c’è la funtanella,
pe nun stà asciutti in corpo come lesca,
gni tanto se sciacquamo le budella;
e la panza se gonfiamo
co sta cura che noi famo;
er zì peppone,
l’avemo chiuso dentro ar credenzine.

In oggi se va avanti co l’imbroji;
si tte vò regge impiede, pe crillaccia,
te tocca a ssegnà buffi su li foji,
ma devi trovà pure chi li faccia.
Si vai ar forno a pijà er pane
te domanna: «poi pagane?»
con a ruganza,
accidentaccio a tutta st’abbondanza.

Volete un bel conzijo, cara gente,
un bè rimedio pe pagà li buffi:
chi ve li chiede nun je date gnente
menate bastonate su li luffi.
Speciarmente all’esattore,
lo pagate cor tortore;
all’osti puro,
bevete sempre eppoi segnate ar muro.

(da "I Romaneschi: Gli Stornelli del Sor Capananna" -  Edizioni: Istituto Editoriale, 1930)